Spezie, quali sono quelle da avere sempre in cucina?

Quali sono le spezie che non dovrebbero mai mancare in cucina? Ecco le più buone e le migliori che renderanno tutti i piatti appetitosi con un tocco diverso dal solito.

Spezie da tenere in cucina

Quando si parla di spezie in cucina la prima cosa che viene in mente è il pepe, lo zafferano e la noce moscata. Facili da utilizzare accompagnano tutti i piatti in maniera molto originale. Eppure per i piatti della tradizione etnica vengono richieste delle spezie diverse che regalano un gusto buonissimo e di grande impatto. Il pollo senza il curry come sarebbe?

Ma attenzione, non è solo la cucina etnica o indiana a poter godere di queste bontà della natura bensì anche quella italiana che nel tempo si è adattata e prestata a questi gusti, con varianti molto interessanti.

Cucinare con le spezie non solo colora il piatto in maniera autentica ma sono anche un ottimo rimedio per una salute sana. In pochi lo sanno ma la maggior parte delle spezie da cucina sono ricche di benefici e proprietà inspensabili.

  • Anice

Ci sono tre varietà principali che sono verde, stellato e pepato. Qui in Europa si ha quello verde e il suo gusto è similare a quello del finocchino che si mescola alla menta. Non è un gusto che piace a tutti quanti, per questo motivo fare attenzione a segnalare la sua presenza nel piatto, utilizzandolo con molta cautela.

  • Cannella

Gusto forte e deciso, la spezia più amata e utilizzata in piatti salati e dolci. Presenta notevoli benefici per il corpo come rafforzare il sistema immunitario e contribuire al benessere fisico. Una predilezione nell’utilizzo della cucina italiana per i dolci ma nella tradizione orientale è spesso e volentieri usata per le carni, essendo l’ingrediente principale nella preparazione del curry.

  • Cardamomo

Utilizzata sin dall’antichità per i suoi tanti benefici, questa è una spezia da avere obbligatoriamente in cucina. Ha un costo elevato ma il suo aroma è unico nel suo genere. Ricorda la menta e l’eucalipto tanto da conferire ai piatti dolcezza ma anche una nota salata inaspettata. Non solo cucina, infatti è usata anche nella medicina Ayurvedica indiana per la cura di malattie legate alle vie respiratorie. Per un uso completo provare con il tè caldo in inverno, se si ha un raffreddore o febbre.

  • Chiodi di Garofano

È una di quelle spezie che non dovrebbero mai mancare nella dispensa. Sono molto famose per la loro ricchezza di gusto nei dolci e nel vin brulè ma, allo stesso tempo, arricchisce infusi e tè caldi. Una curiosità interessante sarebbe nel provare questa spezia per preservare i cibi rallentando la loro ossidazione. Non solo, da usare se si riscontrano problemi durante la digestione o per il metabolismo lento.

  • Coriandolo

Foglie e frutti vengono usati in cucina e dovrebbe sempre essere a disposizione nella dispensa di casa, considerando che il gusto agrumato possa conferire ai piatti quella nota in più. Il coriandolo si può anche usare per la carne oppure per il condimento delle verdure cotte. Aiuta a digerire ed è ottimale per chi soffre di gonfiore addominale.

  • Cumino

Essenziale e ricca di di benefici, questa è una spezia antica che arriva direttamente dall’Iran utilizzata per creare i curry. Ha un sapore molto dolce da usare con zuppe – liquori – legumi e carni.

  • Pepe Nero

È essenziale e non c’è piatto che non abbia una aggiunta di pepe nero. Viene trovato in grani oppure polvere e il suo colore nero è dato dal momento della raccolta. Ideale per condire tutti i piatti – anche i dolci – e regalare una nota imperativa senza precedenti.