Cibo online: gli e-commerce di cui fidarsi

Durante l’attuale pandemia, gli e-commerce hanno visto un grande successo. Infatti, un numero sempre maggiore di persone ha scelto di affidare il proprio shopping a questi strumenti. I negozi online, dunque, hanno registrato un aumento di clienti e di fatturato che fa davvero invidia. Tuttavia, c’è da dire anche che non solo il vestiario e gli oggetti sono stati comprato online. Molte persone si sono infatti affidate agli e-commerce per comprare cibo online. Possiamo dire che è stata una buona idea? Di certo, è stata un’idea comoda poiché ha permesso di fare la spesa restando sul proprio comodo divano. Ma che dire della qualità del cibo venduto online? In paragone a quella del cibo acquistato nei supermercati, com’è? Lo scopriamo leggendo questo articolo!

Comprare cibo online: perché farlo?

Occorre sottolineare che, prima della pandemia da Covid-19, il commercio del cibo online non aveva un grandissimo successo. Infatti, fatta eccezione per i ristoranti etnici che non trovavano localmente i loro ingredienti preferiti, pochissimi cittadini se ne avvalevano. Ma poi le cose sono cambiate.

Le abitudini di vita e di lavoro sono mutate e così anche le modalità in cui fare la spesa. Inoltre, la grande distribuzione organizzata fatica a tener dietro alla mole di ordini che le giungono. Per questo, molti hanno scelto di rivolgersi agli e-commerce per fare la loro spesa. Vediamo, quindi, quali sono gli e-commerce più quotati, che si distinguono per qualità del prodotto. Infatti, quando si acquista online è bene tener conto che prezzi bassi non sono indice sempre di ottimo affare, ma spesso di cattiva qualità. Inoltre, non potendo vedere il prodotto coi propri occhi prima del pagamento, è facile cadere in delle truffe online. Motivo per cui occorre stare ancora più attenti rispetto a quando si cammina per le corsie del supermercato.

I migliori e-commerce alimentari

  • Lorenzo Vinci. Si tratta di un sito ben fatto, navigabile facilmente. Presenta un catalogo di prodotti gastronomici di ricerca mai scontati e un blog/magazine ricco di approfondimenti. La selezione dei produttori è condotta con passione e premia le realtà meno conosciute a livello nazionale. Per esempio, su questo sito si trovano prodotti regionali e di piccole aziende. Mentre non si trovano quelli dei nomi noti del mercato alimentare.
  • Foodscovery. Qui si parla di un modello di business interessante. Infatti, il sito è diviso in due parti: da un lato da c’è l’e-commerce indirizzato al cliente, dall’altro quello per le vendite all’ingrosso B2B. Il sito non ha il magazzino, e funge da punto di connessione tra un cliente e una serie di venditori del prodotto cercato. Poi, sarà il venditore scelto che spedirà direttamente la merce acquistata. In questo modo, si eliminano anche tutti i costi e l’inquinamento dovuto al trasporto o alla spedizione. Uno dei vanti di questo e-commerce è che presenta cibi per tutti i guati. Si trovano ingredienti di lusso, adatti alla pasticceria, alla cucina tradizionale e a quella innovativa. Si può comprare pesce ma anche carne, o prodotti destinati alla cucina vegana.
  • Eataly. Sicuramente, è uno dei siti più famosi per la vendita di alimenti italiani. Questa piattaforma è attiva sul web con due siti. Uno è un ecommerce vero e proprio, che vende su scala europea prodotti secchi e di lunga deperibilità. Tipo olio, pasta e vino. Anche se per acquistare vino online ci sono delle App specifiche. L’altro sito, Eataly Today, funge da servizio di “spesa a casa” ed è attivo nelle città in cui sono presenti gli store del marchio. Se si acquista cibo online da questo secondo sito, è possibile comprare anche i prodotti freschi e deperibili, come frutta e verdura.